Oss si dimette dal pubblico: meglio l'RSA!

Oss: Ospedale senza umanità, mi dimetto e torno in RSA!

Oss: più umanità in RSA

Una giovane Oss di Roma si licenzia dall'Azienda Sanitaria per tornare nell'RSA dove lavorava prima dell'assunzione nel pubblico impiego. Una scelta difficile e coraggiosa che non molti farebbero: ecco le sue motivazioni!

Si chiama Annalisa Ricci, è una giovane Operatrice Socio Sanitaria di 31 anni, mamma di una figlia di 2 anni e mezzo. Assunta da pochi mesi in una delle ASL Capitoline, ha consegnato pochi giorni fa le dimissioni.

La tua decisione è molto forte, in controtendenza rispetto ai voleri e sogni di molti. Cosa ti ha portato a scegliere la strada delle dimissioni?

La goccia che mi ha fatto traboccare il vaso è stata la delusione. Delusa da un ospedale che cura ma non si prende cura, siamo macchine a svolgere mansioni senza fermarsi a pensare e capire che davanti abbiamo una persona che può essere uno sconosciuto ma anche un tuo parente.

Più nello specifico, a cosa ti riferisci quando dici "siamo macchine"?

Purtroppo è così. Abbiamo questi corridoi di stanze con letti pieni di cose da fare, non di persone. Di pannoloni da cambiare, di sacche urine da svuotare, di bocche da imboccare. E la cosa è evidente, non sappiamo nemmeno i nomi delle persone, se va bene il cognome, spesso il numero del letto. 

Come hai maturato l'idea di dimetterti?

Mi dispiace ma purtroppo non mi piaceva più il mio lavoro. Andavo a casa meno stanca di quando ero in RSA ma faticavo ad avere un sorriso. Io faccio questo lavoro perchè ho bisogno di lavorare ma mi piace anche di farlo sennò lo cambiavo. E per me è importante vedere che quello che faccio fa contento qualcuno o è utile a qualcuno sennò che ci stiamo a fare? E non parlo di oss ma di tutti quelli che lavorano in corsia.

Adesso hai detto che tornerai in RSA, la stessa che avevi lasciato per il pubblico.

Si, ho chiesto e mi riprendono. L'ambiente era meraviglioso, ci volevamo tutti bene. E detto tra noi, guadagnavo quasi lo stesso ma ero felice.

Grazie della tua testimonianza, i migliori auguri per la tua vita lavorativa e personale.

Pin It
Redazione
Author: RedazioneWebsite: http://www.assocarenews.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
La redazione del quotidiano sanitario nazionale è formata da Infermieri, Infermieri Pediatrici, Oss e Professionisti della Salute e della Formazione.
Altri servizi dell'Autore


Stampa   Email